Cookie Policy

Titolo Impianti e Sottoservizi

DiAdriana

Aeroporto di Capodichino – Napoli

L'aeroporto internazionale di Napoli, anche detto Aeroporto di Capodichino, è uno dei principali scali europei e vanta molti primati: è stato il primo aeroporto italiano ad essere privatizzato, ha avuto una cresciata del traffico passeggeri di circa il 30% tra il 2016 e il 2017 ed inoltre sarà il primo aeroporto italiano ad integrare bus elettrici.

L'aeroporto di Capodichino può essere considerato un aeroporto cittadino in quanto sorge all'interno della città di Napoli, a pochi minuti dal centro.
Entro il 2020 l'aeroporto sarà collegato tramite una nuova stazione sulla Linea 1 della metropolitana.

L'aeroporto è composto da un solo terminal recentemente rinnovato e ampliato per fronteggiare il traffico passeggeri crescente e di 6 aree di parcheggio.

Il nostro intervento

Nel 2018 siamo stati stati incaricati dalla Società di Gestione Servizi Aeroporti Campani (GESAC) di rilevare una parte della zona aeroportuale. Si tratta dell'area di parcheggio "P1", dedicata alla sosta lunga, ed una piccola area adiacente al parcheggio.

Il fine ultimo è quello di utilizzare i nostri rilievi topografici per ottimizzare ed aumentare capacità del parcheggio in termini di posti auto.

La superficie rilevata è stata di circa 25000 mq, il livello di accuratezza è stato molto elevato ed il rilievo ha interessato tutti i servizi e sottoservizi, i muri perimetrali, gli stalli e le segnaletiche orizzontali e verticali. L'equipaggiamento utilizzato per l'attività è composto da 3 GPS ed una Stazione Totale, le operazioni di campagna sono state svolte da due nostri operatori.

0
mq
Area Rilevata
0
Strumenti GPS
0
Stazione Totale
0
Operatori

 

 

 

 

 

I nostri elaborati

La fase di rilievo ante operam si è conclusa con la produzione di:

  • 1 Tavola planimetrica formato A1 redatta in scala 1:500 con punti diradati per facilitare la lettura della stampa cartacea
  • 2 Tavole planimetriche formato A0 redatta in scala in scala 1:200 con punti diradati per facilitare la lettura della stampa cartacea

Scarica Immagine [7,9Mb]

Scarica Immagine [4,5Mb]

Scarica Immagine [12,8Mb]

DiAdmin

Diga di Persano (Serre – SA)

La Diga di Persano venne eretta durante gli anni ’30 del 900 a seguito dello sbarramento del fine Sele. Essa è gestita dal Consorzio di bonifica in Destra del fiume Sele che si occupa del patrimonio dei beni comunali tra località Campagna e Serre in provincia di Salerno. Questo territorio è costituito da una pianura alluvionale all’interno della quale la diga ha creato un invaso circondato da piante igrofile, le quali, si stagliano anche lungo gli argini del fiume.

La diga si trova in prossimità dell’oasi di Persano, nata a seguito del lago artificiale omonimo e tutt’oggi protetta dal WWF.

Il nostro intervento

Nell'anno 2011 abbiamo avuto incarico di rilevare l'intera diga che si estende su una superficie totale di circa 57.000 mq; i rilevamenti sono stati utilizzati per la progettazione della ristrutturazione e della messa in sicurezza della diga di Persano. Per il rilievo sono stati assegnati 4 GPS, 1 Stazione Totale e 4 nostri operatori.

0
mq
Area Rilevata
0
Strumenti GPS
0
Stazioni Totali
0
Operatori

I nostri elaborati

La consegna di questa lavorazione è avvenuta tramite la produzione di:

1 File CAD formato DWG contenente tutti i punti rilevati, le discontinuità e le curve di livello in elevazione 3D
1 File CAD formato DWG contenente tutti i punti rilevati e tutte le entità in proiezione 2D
1 Tavola planimetrica nel formato A0 redatta in scala 1:500 con punti diradati per facilitare la lettura della stampa cartacea e curve di livello ad equidistanza 50cm con la redazione di 2 sezioni trasversali ed una vista/prospetto frontale.


Scarica Immagine [5,5Mb]


Scarica Immagine [5,5Mb]

DiLuigi

Messa in sicurezza della Diga di Muro Lucano (PZ)

La diga storica Muro Lucano risale agli inizi del '900: è entrata in funzione nel 1917, anno di fine costruzione,  per poi essere chiusa in seguito al disastro del Vajont.

Il nostro intervento

Nel Maggio 2017 abbiamo assegnato 3 GPS, una Stazione Totale, un Laser Scanner e 3 operatori per il rilievo topografico della Diga di Muro Lucano totalizzando una superficie di 28.000mq.

Inoltre con 58 stazionamenti Laser Scanner abbiamo rilevato l'opera cementizia, ottenendo una accurata restituzione tridimensionale.

0
mq
Area Rilevata
0
Strumenti GPS
0
Stazioni Totali
0
Operatori
1
Laser Scanner
58
Scansioni Effettuate

I nostri elaborati

La consegna di questa lavorazione è avvenuta tramite la produzione di:

1 File CAD formato DWG contenente tutti i punti rilevati, le discontinuità e le curve di livello in elevazione 3D
1 File CAD formato DWG contenente tutti i punti rilevati e tutte le entità in proiezione 2D
1 Tavola planimetrica nel formato A0 redatta in scala 1:500 con punti diradati e curve di livello ad equidistanza 50cm
1 Tavola planimetrica nel formato A1 per la sola zona diga formato A0 redatta in scala 1:200 con ortofoto sovrapposta, punti diradati e curve di livello
5 Tavole sezioni nel formato A1 redatte in scala 1:100
2 Tavole viste frontali nel formato A1 redatte in scala 1:100
2 Tavole viste tridimensionali con ortofoto nel formato A1 redatte in scala 1:200

Scarica Immagine [6,2Mb]

Scarica Immagine [16,5Mb]

Scarica Immagine [22,7Mb]

Scarica Immagine [6,6Mb]

Scarica Immagine [15,7Mb]

DiAdmin

Impiantistica Porto di Salerno

Nel 1852 Salerno poteva contare su un piccolo porticciolo di 150 metri protetto da una diga di 75 metri, dagli inizi del 1900 il porto di Salerno non ha mai smesso di crescere, divenendo un importante centro di smistamento internazionale ed arricchendosi ultimamente con la stazione marittima di Salerno firmata dalla archistar Zaha Hadid.

Al momento il Porto di Salerno è tra i 15 porti nazionali più attivi, sia per il transito annuo di merci sia per il transito annuo di passeggeri.

Il nostro intervento

Nel 2013 abbiamo impegnato una Stazione Totale, 3 GPS e 4 operatori per lo svolgimento del rilievo topografico del molo Trapezio e del molo 3 gennaio, entrambi tasselli importanti del Porto di Salerno.
I rilievi topografici hanno interessato un'area di circa 370.000mq e sono stati utilizzati per la progettazione di un nuovo impianto idrico e antincendio.

0
mq
Area Rilevata
0
Strumenti GPS
0
Stazioni Totali
0
Operatori

I nostri elaborati

La consegna di questa lavorazione è avvenuta tramite la produzione di:

1 File CAD formato DWG contenente tutti i punti rilevati, le discontinuità e le curve di livello in elevazione 3D
1 File CAD formato DWG contenente tutti i punti rilevati e tutte le entità in proiezione 2D
4 Tavole planimetriche nel formato A0 redatte in scala 1:500 con punti diradati per facilitare la lettura della stampa cartacea

Scarica Immagine [6,2Mb]

DiAdriana

Banchina Cicconardi – Porto di Gaeta

Il progetto ha l’obiettivo di garantire l’operatività di circa 356 mt della banchina Cicconardi anche per le imbarcazioni che richiedono un fondale di almeno 12 mt, mediante l’escavo del fondale antistante la banchina.

 

Il nostro intervento

GESI ha effettuato il rilievo topografico del porto, in particolare della banchina, delle vasche di colmata per il ripristino delle sponde laterali, dei piazzali per renderli pienamente operativi e infine della strada di accesso per la riprogettazione della viabilità di ingresso al porto commerciale. In totale l'area che è stata rilevata è di circa 210.000mq, per il rilievo sono stati assegnati 3 GPS, una Stazione Totale e 3 nostri operatori.

0
mq
Area Rilevata
0
Strumenti GPS
0
Stazioni Totali
0
Operatori

 

I nostri elaborati

Questa lavorazione è culminata con la produzione di:

  • 1 File CAD formato DWG contenente tutti i punti rilevati, le discontinuità e le curve di livello in elevazione 3D
  • 1 File CAD formato DWG contenente tutti i punti rilevati e tutte le entità in proiezione 2D
  • 4 Tavole planimetriche integrate con indagini sui sottoservizi, formato A0 redatte in scala 1:500 con punti diradati per facilitare la lettura della stampa cartacea

Scarica Immagine [8,5Mb]

DiAdriana

Viabilità Nuovo Policlinico di San Clemente (CE)

La costruzione del Nuovo Policlinico di Caserta ha richiesto il miglioramento della viabilità nel tratto che collega la Strada Statale SS7 a Viale Abramo Lincoln, per una lunghezza di circa 2500m.

Il nostro intervento

Nel 2013 abbiamo eseguito il rilievo topografico dell'area, assegnando alla lavorazione 4 GPS, 2 Stazioni Totali e 4 nostri operatori.

Dopo la fase di misurazione, abbiamo anche condotto l'ispezione dei sottoservizi, restituendo sezioni per ciascun pozzetto analizzato. Dalle sezioni si evincono le quote di fondo dei pozzetti e le quote di arrivo e di partenza dei tubi con i rispettivi diametri.

0
m
Fascia Rilevata
0
Strumenti GPS
0
Stazioni Totali
0
Operatori

I nostri elaborati

Questa lavorazione è culminata con la produzione di:

  • 1 File CAD formato DWG contenente tutti i punti rilevati, le discontinuità e le curve di livello in elevazione 3D
  • 1 File CAD formato DWG contenente tutti i punti rilevati e tutte le entità in proiezione 2D
  • 5 Tavole planimetriche integrate con indagini sui sottoservizi, formato A0 redatte in scala 1:500 con punti diradati per facilitare la lettura della stampa cartacea



Scarica Immagine [7,2Mb]