Cookie Policy

#TenYearsChallenge Bologna

DiAdriana

#TenYearsChallenge Bologna

E’ esploso sui social il fenomeno #TenYearsChallenge, un hashtag che ha coinvolto non solo le persone ma anche le città! In particolare il quotidiano Il Resto del Carlino ha dedicato un articolo alla città di Bologna, una città a noi cara dato che settembre 2017 ci siamo trovati in città a rilevarne uno dei simboli, ovvero il famoso Cinema Capitol. La storia del Cinema Capitol ha fatto il giro del web, si è trattato di un salvataggio in extremis di uno dei cinema più antichi della città. Nell’era dei multisala, infatti i piccoli cinema, come nel caso del Capitol, non hanno vita facile, questo è stato uno dei principali motivi della chiusura della struttura nel 2017. Nella storia del Capitol però c’è un qualcosa di romantico, proprio come quando una persona non vuole rinunciare al suo grande amore e farebbe di tutto per salvarlo, ecco è andata proprio così con il Cinema Capitol che è stato acquistato da un noto gruppo salvandolo tramite una riconversione dello stabile. E’ per questo che l’attuale struttura ospiterà comunque il Cinema Capitol con una sola sala cinematografica dai 100-150 posti, la restante parte ospieterà due noti brand internazionali d’abbigliamento. Questa è la storia di un progetto dal lieto fine che salverà una struttura storica di Bologna, al momento i lavori di ristrutturazione sono ancora in corso e si attende con trepidazione la riapertura.

L’intervento di GESI a Bologna

I lavori di ristrutturazione sono in corso, la progettazione è stata avvantaggiata dai nostri rilievi Laser Scanner, modalità di misurazione che ci ha permesso di velocizzare i tempi garantendo una completezza dei dati acquisiti: il Laser Scanner infatti non tralascia alcuna misurazione, dunque con una programmazione lavorativa di soli 3 giorni, abbiamo portato a casa tutte le misure necessarie per la progettazione. In particolare abbiamo rilevato le tre facciate dell’edificio coinvolte nella ristrutturazione: quella su Piazza XX Settembre / Parco della Montagnola, quella su via Indipendenza e quella su via Milazzo / via Galliera. Sul campo abbiamo portato la nostra esperienza e la nostra professionalità effettuando il rilievo con le nostra migliore strumentazione ovvero supportando il Laser Scanner  con la fotocamera Sony Nex6+Zeiss 16mm, la restituzione grafica è avvenuta tramite l’estrazione di ortofoto tramite il nostro Cloud Designer.

Parte la ricostruzione del Ponte Morandi!
50 anni fa il salvataggio di Abu Simbel

Info sull'autore

Adriana administrator

Lascia una risposta